Ecco la storia di un Artista che attraverso la musica, il restauro di oggetti d’arte, la fisica, ma soprattutto la propria sensibilità e le mani d’oro, è arrivato a a creare oggetti unici che luccicano e che potrebbe rendere un “bigiotto” quell’opera d’arte da indossare e renderlo un vero e proprio unicum.

bigiotteria - castello gropparello - tulle e confetti - un'opera d'arte da indossare

Un castello medioevale in mezzo ai boschi della Val d’Arda con tanto di torri e ponte levatoio, sulla cima di un colle appenninico non potrebbe essere una location da favola per un matrimonio? Forse sì, ma quello di Gropparello ha qualche inconveniente: pare essere abitato da Rosania, ossia un fantasma di una nobile dama, che nel 1255 fu oggetto di una disputa e di una contesa amorosa tra due eroici cavalieri, ossia Pietrone da Cagnano, promesso sposo per ragion di Stato e Lancillotto Anguisscia, antico e vero amore ritrovato. Pietrone giunto a Castello, intuì del vero amore vissuto per il suo acerrimo rivale e decise di rinchiudere e murare Rosania nella stanza segreta del castello.

Data la leggenda e i possibili rumori eterei di fondo, credo che per la location del talamo nuziale si potrebbe scegliere qualcosa di meno turbolento. Ciononostante, è indubbiamente un luogo magico e ricco di passione, di immersione nella natura anche selvaggia e nella storia. Non a caso è stato per anni Centro Europeo del Restauro: in quelle stanze vivevano con le loro famiglie dei restauratori, che ogni giorno ridavano vita e splendore ad opere d’arte, mobili, strumenti musicali, scrigni, etc etc, talora ripristinando pezzi di legno che parevano ormai pronti da ardere, talora ricostruendo secondo le tecniche antiche legni, tele , tessuti, letti e così via. Erano veri artisti al servizio del Bello!

Fra i tanto restauri Enrico si occupava principalmente di strumenti musicali antichi, quindi ricostruiva tanto il suono che dovevano emettere quanto il lusso degli elementi che li decoravano con legno, sete e metalli.

bigiotteria - castello gropparello - tulle e confetti - un'opera d'arte da indossare

E’ un tipo di competenza che di certo non è assimilabile a quella del puro artigiano e richiede scelte definitive che solo la consapevolezza del tatto artistico ti possono far fare. Purtroppo i casi della vita hanno allontanato Enrico dal mondo del restauro, prima, e della musica in senso professionale, dopo: ma il genio dell’arte lo ha rigenerato ad ogni ostacolo. Oggi è l’artefice di una linea di bigiotteria che inventa, progetta e costruisce.

Un’opera d’arte da indossare anche il giorno delle nozze.

bigiotteria - castello gropparello - tulle e confetti - un'opera d'arte da indossarebigiotteria - castello gropparello - tulle e confetti - un'opera d'arte da indossare

1 Comment on Un’opera d’arte da indossare creata da un artista

  1. Enrico
    4 ottobre 2015 at 9:46 (3 anni ago)

    Un grandissimo grazie per questo bellissimo articolo su di me e le mie creazioni. Per vedere tutte le mie creazioni e seguirmi in futuro, cercate la mia pagina di Facebook “IlBigiottodellAsinello”, mettete “Mi Piace” alla pagina, riceverete una notifica per ogni nuova creazione e sarete informati quando ci saranno mostre o esposizioni a cui partecipare per vedere dal vero i “Bigiotti” e acquistarli.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.