Sposarsi in un anno bisestile, scegliere il 29 di febbraio o magari sposarsi di venerdì? Che dite, è sfidare la sorte? Direi di no!

sposarsi in un anno bisestile - tulle e confetti

Se ci si sposa di venerdì qualcuno ci dirà prontamente: “Non si sposa e non si parte né di Venere e né di Marte !”. Se sceglieremo di sposarci  il 29 di febbraio o in un anno bisesto ci sentiremmo dire: “Anno bisesto anno senza sesto”. A dire il vero per l’anno bisestile i proverbi “infausti” sono tantissimi: Anno bisesto anno funesto e triste quello che gli viene appresso. Anno bisesto tutte le cose van di traverso. Anno bisestile chi piange e chi stride. Anno bisesto che passi presto. (molto altro qui: http://www.toscanaoggi.it). Cosa fare?

I credi e le superstizioni popolari ci accompagnano nella vita di tutti i giorni, ma ormai la scelta della data del matrimonio si affida a “eventi” esterni molto più legati alla praticità e, lasciatemelo dire, all’economicità. Così, se la nostra location sarà disponibile solo di venerdì o magari proprio il 29 di febbraio, gli sposi sceglieranno quel giorno anche se questo significherà sposarsi in un anno bisestile ed in un giorno che ricorrerà ogni 4 anni!

sposarsi in un anno bisestile - tulle e confetti

La cosa singolare di questa forte credenza per cui l’anno bisesto sia anno infausto è che gironzolando nel web si trova tutto il contrario di tutto.

Chi riporta che: ” per quanto riguarda la diceria che l’anno bisestile sia sfavorevole è diffusa molto nel mondo delle lingue neolatine per influenza della cultura romana nella quale le singolarità, le eccezioni, le irregolarità del calendario erano bollate tutte come giorni infausti. Bisogna chiarire che infausto significava non apportatore di sfortuna, ma sfavorevole a dare inizio a qualcosa, intraprendere un lavoro, per cui si chiudevano le attività, gli uffici, i tribunali, le aziende, le organizzazioni pubbliche. Più che sfortunato perciò l’anno bisestile è considerato anomalo, imprevedibile, senza altra regola se non quella di non averne. Così vuole il proverbio: Anno bisesto anno senza sesto. «Senza sesto» indica appunto la mancanza di regolarità, d’armonia, legge e misura. Infatti sesto o seste è il nome col quale si indicava un tempo il compasso, simbolo di precisione e regolarità.”

Chi, invece, riporta l’esatto contrario: “In realtà la tradizione popolare vuole l’anno bisestile come anno propizio. Gli anni bisestili sono favorevoli a ogni nuova impresa, a ogni cambiamento di vita o di mestiere. In tutto il mondo l’anno bisestile viene festeggiato come anno fausto.”

Superstizioni a parte direi che ogni giorno sia quello perfetto per iniziare un percorso insieme, anche sposarsi in un anno bisestile! Buon anno bisesto!

 

Credits foto: le foto le troverete nella bacheca Pinterest di Tulle e confetti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *