Mancano soltanto quattro giornate alla fine del campionato di Eccellenza, quattro domeniche  per centrare l’obiettivo salvezza e che – quindi – non potrò che vivere al cardiopalma.

Lo Stato Disagioso (di cui vi ho raccontato il mese scorso) – nonostante qualche bella prestazione e tanto impegno da parte dei Ragazzi – purtroppo permane: la classifica – ahimè – è troppo corta e non mi consente di dormire sonni tranquilli in questa fine di campionato (mi sveglio nel bel mezzo della notte dopo aver sognato una sconfitta per a zero, paliamone!).

Se, nonostante tutto, non sto poi così male è soltanto perché ho la fortuna di condividere tutte le ansie e le emozioni con un gruppo di ragazzi e ragazze fantastico, amici che non mi lasciano mai sola, nemmeno quando la trasferta prevede settanta (o più) km di autostrada, la ricerca del campo da calcio nei posti più improbabili e impervi, e comporta mangiare un panino gelido (che certamente ti rimarrà sullo stomaco) e bere un thè di qualità scadente, utile soltanto per scaldarsi lemani.

fine del campionato - tulle e confetti - moglie di un calciatore - guia - voltrese

Allo stato, non so davvero come farei senza di loro.

Se penso a tutte quelle partite che ho visto quasi sola, a tutte quelle domeniche passate ad aspettare l’inizio della partita chiusa in macchina, senza avere qualcuno con cui ridere di gusto.. a tutte quelle partite senza qualcuno a cui poter stringere la mano sul fischio del calcio di rigore..

Quelle domeniche per fortuna sono lontane e oggi posso solo essere felice che qualcuno si sia finalmente deciso a seguire con maggior frequenza la squadra e per essere riuscita a convincere qualcun altro che la domenica Voltrese non è poi così male.

fine del campionato - tulle e confetti - moglie di un calciatore - guia - voltrese

Così oggi non siamo altro che un piccolo gruppo di “hooligans dei poveri”, che organizza trasferte da una domenica all’altra, che in vista delle partite più importanti cerca di farsi venire qualche idea che possa stupire i Ragazzi e in qualche modo dar loro la carica.. e si sa, quando si è in tanti e c’è il giusto entusiasmo  basta poco per realizzare qualcosa di bello, soprattutto in questa fine di campionato.

Così in men che non si dica acquistiamo bandiere, trombette, palloncini, e dal niente decidiamo di ritrovarci al campo un’ora e mezza prima della partita per preparare striscioni e colorare gli spalti.

fine del campionato - tulle e confetti - moglie di un calciatore - guia - voltrese fine del campionato - tulle e confetti - moglie di un calciatore - guia - voltrese

Ci sentiamo anche un po’ ridicoli, ma siamo troppo felici e ci facciamo troppo ridere per trattenerci. E poi ne vale la pena (a prescindere dal risultato), fosse soltanto per vedere la sorpresa sul viso dei Ragazzi.

Si sa:

la felicità è reale solo se condivisa..

e mal comune mezzo gaudio..

allo Stadio, niente di più vero <3

 

P.s.: scrivo e ascolto lo Stadio di Tiziano Ferro

“E in ogni stadio c’è una storia
Il timore, l’amore,
La fine di una vita, il principio di altre mille
Ed una voce, un coro, che spaccano il cielo
E cambieremo il mondo, ma cambierà davvero
E in ogni stadio c’è la musica tutta la notte
Persone vere, di cuore o corrotte
Ma al confine di un solo universo d’amore, d’amore
Lo stadio!”

e vorrei proprio dirgli quanto è vero, anche a Voltri.. quanto Amore, quanto Cuore, dentro e fuori dal campo.

 

 

Posted by Guia #mogliediuncalciatore

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *